21 May 2010

Apomechanes 2010 Studio//////////////////////////////////


I received this mail from Ezio Blasetti, please check their official site for more information:

"Apomechanes 2010 studio (seminar and workshop) to be held from the 19th of July till the 6th of August. Apomechanes is an intensive 3-week computational design studio held each summer in Athens, Greece.

The studio is devoted to furthering techniques and concepts of algorithmic processes as means for design and fabrication. Apomechanes brings together individuals from diverse backgrounds and fields of study to discuss, exchange and collaborate on projects that investigate modes of algorithmic and machinic processes in architectural design.

Please find attached our press release and advertising poster for the coming studio. We would be delighted if you were willing to post an announcement of the launch of apomechanes 2010. Further material, including a detailed portfolio of the projects from apomechanes 2009 can be found at:"

http://www.apomechanes.com/pdf/apomechanes2009.pdf


Ezio Blasetti (ahylo)
Dave Pigram (supermanoeuvre)
Roland Snooks (kokkugia)



17 May 2010

GH rotational field01////////////////////////////////////////////

RH AutoDimension 01//////////////////////////////////////////

This Rhinoscript evaluates lenght of curves or lines and creates dimension using the rhino command "Dimension". The code needs improvements like external or internal dimension differentation and much more. I used this script on many panels unrolled from a parametric installation, in a few time I had all the panels dimensioned.


--

Option Explicit

'Script written by Davide del Giudice
'Script copyrighted by MadeInCalifornia http://madeincalifornia.blogspot.com/
'Script version Tuesday, 07 April 2010

Call Main()
Sub Main()

Rhino.MessageBox "check all lines are exploded and flip direction to change dimension orientation", 0,_
"First of all"

Dim arrLine:arrLine=Rhino.GetObjects("select lines",4)
If isNull (arrLine) Then Exit Sub

Rhino.AddLayer "DIMENSIONS",RGB(0,255,255)
Rhino.CurrentLayer "DIMENSIONS"

Dim Line
For Each Line In arrLine
Call dimension(Line)
Next

Rhino.MessageBeep 1

End Sub

Sub dimension(line)

Dim arrcurves,arrAngle,a,b,c,point,point2,strp,strq,arrOffsetCurve,arrsPoint, arrEpoint,arrMP,linebeta

LineBeta=line

arrMP = Rhino.CurveMidPoint( linebeta)
arrcurves=Rhino.OffsetCurve (linebeta, arrMP, 1.0)

Dim curve
For Each curve In arrcurves

arrsPoint = Rhino.CurveStartPoint( curve)
a= Rhino.Pt2Str(arrsPoint)
arrePoint = Rhino.CurveEndPoint( curve)
b= Rhino.Pt2Str(arrePoint)
arrAngle = Rhino.Angle(arrsPoint, arrePoint)

Dim arrMidPt: arrMidPt = Array( arrepoint(0), arrepoint(1)-1, 0)

c = Rhino.Pt2Str (arrMidPt )
rhino.Command "_DimAligned " & a &" "& b &" "& b
rhino.HideObjects arrcurves

Next
End Sub

Excel to GH01////////////////////////////////////////////////////


First attemp on connect Microsoft Excel to Grasshopper. In this definition the timer component sends values every 1 second from Excel to Gh creating a quickly interact system. In that case points coordinates and radius of spheres are controlled from one Excel worksheet.
Original code by McNeel.

14 May 2010

Conditional Proliferations.


Grasshopper workshop Level I – parametric & generative design Roma - 07-11 giugno 2010 [.] Descrizione

La proliferazione è una modalità di occupazione dello spazio. In dipendenza dal proprio modo di interazione ambientale, gli edifici possono essere distrubuiti e/o aggregati in modalità appropriate in modo da accumulare o disperdere gli effetti della loro interazione e il proprio impatto sull'evoluzione delle relazioni future. A livelli più bassi si può, ad esempio, considerare la distribuzione di componenti o caratteristiche lungo un involucro.
Approcci basati su unità funzionali operano una proliferazione basata sulla ripetizione indifferenziata e insensibile all'ambiente, risultando in una discretizzazione di matrice convenzionale e nella separazione tra edifici, edifici e contesto o spazi interni ed esterni; un diverso tipo di approccio, basato sulla condizione (termine usato nella sua doppia accezione di indicatore dinamico della tendenza di sviluppo dell'ecosistema e in quella causale – if a then b), introduce una forma di proliferazione che sfida e scioglie la dicotomia artificiale: molte piante crescono ovunque le condizioni portino ad esse beneficio, senza riguardo per limiti codificati nello spazio in cui si sviluppano. Le implicazioni sulla negoziazione dello spazio e sulla definizione di soglia sono notevoli; il sistema produce un campo armonicamente articolato e differenziato di fenotipi a partire dal genotipo attraverso un processo di "estetica delle forze" guidata attraverso lo strumento digitale.
A livello urbano questo può tradursi nella proliferazione di infrastrutture o di spazi che mettono in discussione la concezione statica di "confine" e "unità" in favore di modelli in grado di generare una gamma più estesa di inflessioni tra livelli di complessità e indirizzarli per abilitare e rendere accessibili potenzialità d'uso a loro volta articolate e complesse.
Il tema sarà dipanato attraverso le giornate del workshop sviluppando aspetti teorici e tecnici dell'approccio parametrico generativo, con particolare attenzione a strategie di design urbano basate su caratteristiche endogene (vincoli interni del sistema) ed esogene (fattori ambientali) allo scopo di stimolare l'esplorazione di soluzioni sistemiche innovative.

Il numero dei partecipanti è stabilito tra le 15 e le 20 persone per offrire un tutoraggio proficuo ed una effettiva esperienza di learning ad ogni iscritto.

[.] Temi

. teoria

. condizione, genotipo/fenotipi, transizione, mappatura, eleganza, sensibilità, spazio

. tecnica

. dati:gestione, manipolazione, visualizzazione
. generazione di geometria da dati
. logiche parametriche applicate al design
. genotipo/fenotipi
. attrattori, mappers, drivers e tecniche di modulazione

[.] Dettagli

Istruttori:
Alessio Erioli + Andrea Graziano + Davide Del GiudiceCo-de-iT (GH & design tutors)

Si richiede esperienza di base nella modellazione in Rhino (equivalente a Rhino training Level 1, il Level 2 è gradito – la documentazione per il training è disponibile gratuitamente all'indirizzo:
http://download.rhino3d.com/download.asp?id=Rhino4Training&language=it).

Aggiungo per chi fosse interessato:
- il
brief del corso
- il
programma dettagliato
- il
report del ws di marzo a Bologna "Elegant Ecotones"

Luogo : presso NETFORM – via Alessandro Cialdi 7, Roma
Orario : 9.00-18.00.
info: info@a-m-u-r-i.it |
tel: +39 338 4201162 begin_of_the_skype_highlighting +39 338 4201162 end_of_the_skype_highlighting
iscrizioni: www.cesarch.it
tel: 06.97604590

11 May 2010

Blend Morphologies06/////////////////////////////////////////

Strating from this GH definition i worked on a parametric skin with a blending sections concept, obtaining different solutions just moving the control points of the five native curves.

10 May 2010

Metaball 03

Metaball 3d_02





Metaball 02


A parametric field created in Grasshopper from a curves with variable fillet generated from a metaball 2d system.


Curves from metaball 2d speculation.

Metaball 3d_01

Working on Metaball 3d system...tbc